Gli Inizi della Missione - Operatori di Pace

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gli Inizi della Missione

Padre Maria Joji Rai e Don Piero Paganessi

La storia degli Operatori di Pace ha inizio negli anni  ’80, con l’adozione a distanza da parte della sig.ra Mina Morosini dell’allora seminarista Maria Joji Rai.
Da Roma, dove aveva appena preso i voti, il neo sacerdote venne a Seriate per conoscere la propria “mamma” adottiva, entrando in quell’occasione in contatto con Don Piero e altre persone che lo incoraggiarono ad accogliere alcuni ragazzi in condizioni di grave povertà nella parrocchia che gli sarebbe stata assegnata.
L’opera di Padre Maria inizia nel 1989 nella parrocchia di Allipalli, comprendente 15 villaggi abitati da una popolazione stimata in 30 – 40 mila persone, dedite  quasi esclusivamente  all’agricoltura alle dipendenze di alcuni latifondisti.

Le condizioni della popolazione erano – e sono in larga parte tuttora – caratterizzate da un’estrema indigenza: la paga giornaliera consente a mala pena di consumare un pasto al giorno, a base di riso e verdure; le abitazioni erano – e sono ancora nella maggioranza – rappresentate da capanne costruite con foglie di palma, appoggiate su un fondo in terra battuta;  l’assistenza medica era praticamente inesistente, con conseguenze drammatiche sulla mortalità infantile e sulla durata media della vita (stimata attorno ai 50 anni).
Nel mese di ottobre 2013 Padre Maria ha avuto l'occasione di conoscere Papa Francesco a cui ha consegnato un libretto dell'associazione. Il Papa si è congratulato e l'ha amorevolmente benedetto. Un bel modo per Padre Maria di festeggiare il suo 25° Anniversario di sacerdozio celebrato in dicembre.

Padre Maria e alcuni dei Bambini della missione
 
Torna ai contenuti | Torna al menu